Benvenuti nel nuovo Forum dell'Associazione Ornitologica Europea
+ Rispondi
Pagina 1 di 2
1 2 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 17

Discussione: Il Verdone testa nera

  1. #1
    Master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Francesco Giacalone

    L'avatar di Francesco Giacalone
    Registrato dal
    14-02-08
    residenza
    Erice
    Messaggi
    754

    Il Verdone testa nera

    Esperienza d’allevamento


    La mia esperienza col Verdone testa nera (Carduelis ambigua) ha inizio con due coppie di *******, acquistate nel mese di Ottobre da un commerciante della mia zona, solerte importatore di fringillidi esotici. Gli uccelli portati a casa, ad una più attenta osservazione, si sono rivelati molto tipici e soprattutto docilissimi.
    Sono stati sistemati per coppie in gabbie da 90 cm, preventivamente foderate ai lati con del nylon, onde evitare agli uccelli di ferirsi fra le sbarre, e collocati all’aperto.
    L’alimentazione loro fornita si basa su di un misto di semi composto da: scagliola, perilla bianca, girasole nero piccolo, panico, cicoria, lattuga bianca, canapuccia e, in dosi minori, lino, avena e nijer. Inoltre, pastone di tipo secco tagliato con quello morbido nella percentuale del 50%, saltuariamente mela e lattuga e sempre a disposizione del grit unito a sali minerali in granuli e osso di seppia.
    L’acqua per il bagno viene fornita almeno due volte a settimana anche nel periodo invernale. Solitamente non faccio mai uso di vitamine o altri integratori particolari e quando si avvicina il periodo della riproduzione, preparo i soggetti con del polline d’api mischiato al pastone (10% di polline per kg di pastone) con l’aggiunta di camelina sativa per una settima circa, e al contempo vario la miscela aumentando le dosi e aggiungendo quei semi più inclini a favorire l’estro dei soggetti, come il papavero blu e la canapuccia. Voglio precisare che tutti i volatili del mio allevamento sono alimentati con miscele molto proteiche dove la percentuale della perilla bianca è abbastanza elevato; dico questo perché i soggetti sono sistemati all’aperto ed è fisiologicamente provato che un uccello per sopportare i rigori dell’inverno ha bisogno di bruciare calorie e queste vengono fornite dai semi ricchi di lipidi.
    Il Verdone testa nera si può considerare un uccello piuttosto robusto e, a differenza dei nostri Verdoni indigeni, nel periodo autunnale non soffre di turbe intestinali ed è meno soggetto alla coccidiosi. Nella fase invernale sono rimasto sorpreso nel vederli svolazzare nella gabbia con piumaggio attillato senza risentire minimamente della temperatura abbastanza rigida, non dimostrando alcun problema neanche di fronte all’eccessiva umidità. Nonostante si tratti di soggetti dal facile mantenimento, come tutti gli animali, vanno mantenuti nel migliore dei modi fornendo loro l’optimum di cui si dispone, sia da un punto di vista alimentare che ambientale.
    Trattandosi di uccelli di ******* e di fresca importazione, non avendo effettuato alcuna muta in gabbia, nutrivo seri dubbi sulle loro possibilità riproduttive, ma come i più temerari allevatori verso la fine di Marzo ho infrascato l’angolo alto destro del frontale della gabbia con piante finte e rametti di pino ed ho inserito il cestino di vimini da 10 cm. Il giorno 10 del mese di Aprile ho sorpreso una delle due femmine rivestire il cestino con juta, cocco e cotone, componendo una discreta coppa.
    Terminato il nido la femmina vi ha deposto quattro uova che ho preferito non sostituire con quelle finte per non disturbarla. Durante la cova il maschio non ha minimamente interferito, anzi era solito imbeccare la compagna sul bordo del nido mentre questa era accovacciata. L’atteggiamento molto pacato del maschio ne ha evitato la separazione dalla femmina; questo comportamento sereno si è poi manifestato anche negli altri maschi da me allevati, a differenza dei Verdoni indigeni sia ancestrali (soprattutto), che mutati (leggermente meno), i quali non si creano scrupoli a molestare le compagne alle volte sino a scondizionarle o a distruggere intere nidiate. Il corteggiamento, così come il canto, è del tutto simile a quello del Verdone europeo, l’unica differenza consiste nel timbro più acuto delle note emesse da quest’ultimo. L’incubazione dura 13 giorni e non si rende necessaria la speratura in quanto le uova feconde all’ottavo giorno circa assumono un colore più scuro. Alla scadenza di questo periodo sono nati due pulli e successivamente gli altri; dal momento che non avevo balie ho lasciato l’incombenza di allevare i piccoli ai propri genitori che così bene si erano comportati sino ad allora. Per abituare i soggetti a nutrirsi dei vari alimenti necessari allo sviluppo dei nidiacei, ne ho iniziato la somministrazione prima della deposizione.
    Alla nascita, ho alimentato gli adulti con uovo sodo (la mattina solo per la prima settimana) unito a del pastone secco, canapuccia bollita (per almeno venti minuti) e una fettina di mela; il pomeriggio dadini di semola (latte, uova e semola), nuovamente della canapa bollita e un po’ di lattuga. Non ho fornito insetti e sono riusciti a svezzare in tre covate 10 testa nera. A testimonianza della loro crescita regolare, preciso che intorno al quinto giorno ho inanellato i primi due nati e successivamente gli altri con anello di tipo A preventivamente mascherato con del cerotto (va comunque bene anche l’anello Y); al quattordicesimo giorno hanno abbandonato il nido e intorno al trentesimo giorno si sono resi indipendenti. Una volta svezzati, gli uccelli sono stati sistemati in volierette da 120 cm ed alimentati con una miscela di semi con prevalenza di scagliola, con della canapuccia bollita (rinnovata due volte al giorno), spighe di panico, perilla bianca in una vaschetta a parte e saltuariamente mela e lattuga.
    Per quanto concerne la seconda coppia, in quell’anno non si è riprodotta e la femmina si è limitata a portare per tutta la gabbia il materiale da nido senza mai decidersi a costruirne uno.
    Una considerazione importante, anche se potrebbe sembrare scontata, sta nel fatto che i migliori soggetti nascono da genitori molto tipici; all’uopo andranno ricercate quelle femmine che più di altre manifestino un cappuccio evidente con disegno sul dorso molto marcato e una barra alare giallo intenso.
    I maschi invece dovranno avere un cappuccio molto netto provvisto di nero lucido con la minima presenza di brinature come spesso accade. Un difetto ricorrente, riscontrato nei vari esemplari di allevamento, è la presenza di piumette acianiche che si localizzano soprattutto all’altezza del capo.

    Allegato 1621

    Allegato 1622

    Allegato 1623

    Allegato 1624

    Allegato 1625

    Testo, foto e allevamento di
    Francesco Giacalone.
    Parte dell’articolo pubblicato sulla rivista Alcedo N° 29, Periodo Settembre-Ottobre 2006.

  2. #2
    Royal member del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Deso

    L'avatar di Deso
    Registrato dal
    31-12-07
    residenza
    Padova
    Messaggi
    608

    Bellissimo articolo, ora ricordo di averlo già letto su Alcedo! Bellissimi i soggetti, sopratutto il maschio molto tipico!!!
    Saluti

    Luca RNA 33HZ

    [SIGPIC][/SIGPIC]

    allevo
    Agapornis roseicollis, Verdoni, Carpodachi messicani e Canarini del Mozambico

  3. #3
    Silver Magister Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di roberto ghidini

    L'avatar di roberto ghidini
    Registrato dal
    12-07-07
    residenza
    Val d Enza -RE-
    Messaggi
    4,871

    Bell articolo Francesco,ho posseduto i passato una femmina di ******* per ibridare, devo concordare che era davvero tranquilla e una buona madre, anche se solo poche volte ha fatto uova feconde. ::-°°-

  4. #4
    Consigliere Nazionale FEO
    Nazionalità:
    La bandiera di Fioravante Prontera

    L'avatar di Fioravante Prontera
    Registrato dal
    06-07-07
    residenza
    Presicce (Le)
    Messaggi
    3,040

    Grazie dell'articolo!

    Il Verdone Testa Nera rimane uno dei miei animali preferiti... [[[[^
    Fioravante Prontera - R.A.E 0017



  5. #5
    Royal member del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Dempit

    L'avatar di Dempit
    Registrato dal
    08-07-07
    residenza
    reggio calabria
    Messaggi
    559

    sono veramente belli, in passato ho avuto il piacere di possedere una coppia ma senza frutti.... ora sono difficili da trovare....
    "Nulla si distrugge, tutto si trasforma"

  6. #6
    Sostenitore del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Razza_spagnola76

    L'avatar di Razza_spagnola76
    Registrato dal
    18-01-08
    residenza
    borgetto
    Messaggi
    203

    ...

    Davvero molto interessante il tuo articolo.... e comunque di molto fascino anche il il verdone testa nera.

    Complimenti per il soggetto in foto e' davvero di alta tipicità.

    ^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]^[[[]]
    Marco Briguglio R.N.A 34EA 1--.

  7. #7
    Master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Francesco Giacalone

    L'avatar di Francesco Giacalone
    Registrato dal
    14-02-08
    residenza
    Erice
    Messaggi
    754

    Vi ringrazio tutti per i complimenti ricevuti.[[//]*

  8. #8
    Cadetto del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Fabrizio T.

    L'avatar di Fabrizio T.
    Registrato dal
    06-09-07
    residenza
    padova
    Messaggi
    131

    grazie x l interessantissimo articolo, quest anno tento il loro allevamento, ho 3 femine e 2 maschi, secondo te francesco posso usare un maschio passandolo da una femina all altra o posso tentare di lasciare il trio in una gabbia da 160 x 80?

  9. #9
    Master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Francesco Giacalone

    L'avatar di Francesco Giacalone
    Registrato dal
    14-02-08
    residenza
    Erice
    Messaggi
    754

    Quote Originariamente inviata da Fabrizio T. Visualizza il messaggio
    grazie x l interessantissimo articolo, quest anno tento il loro allevamento, ho 3 femine e 2 maschi, secondo te francesco posso usare un maschio passandolo da una femina all altra o posso tentare di lasciare il trio in una gabbia da 160 x 80?
    Ciao Fabrizio,
    ti consiglierei di isolare le coppie singolarmente, ognuna nella propria gabbia.
    Alla femmina che rimarrà da sola (quando inizierà ad imbastire il nido) potrai girare tranquillamente il maschio che sarà più in estro. Personalmete sono contrario ad utilizzare un maschio e più femmine, non solo per questioni di praticità (collocamento di più nidi, di più recipienti per gli alimenti) ma anche per questioni etologiche visto che si tratta di una specie monogama, e quindi le femmine potrebbero andare in competizione tra loro pregiudicando l'esito delle covate.

  10. #10

    Molto interessante, come già era stata la lettura su Alcedo.
    Complimenti!

+ Rispondi
Pagina 1 di 2
1 2 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. verdone testa nera
    Da carpodaco nel forum Fringillidi esotici
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 07-12-09, 12: 24
  2. testa nera
    Da michael nel forum Cedo
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 23-10-09, 11: 43
  3. testa nera
    Da petrus nel forum Cerco
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 30-07-09, 07: 55
  4. verdone testa nera
    Da christian nel forum Cerco
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 22-09-08, 13: 06
  5. verdone testa nera
    Da Vincenzo nel forum Fringillidi esotici
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 23-02-08, 17: 47

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi