Il nuovo editoriale dal titolo ""PASSIONE ARRICCIATI "" - a disposizione gratuita dei nostri soci e simpatizzanti, nell'apposita sezione Editoriali dell’A.O.E.
Visualizzazione dei risultati da 1 a 5 su 5

Discussione: FEO , la regione Lazio e tante belle parole

  1. #1
    Master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di fabrizio moretti


    Registrato dal
    27-01-08
    residenza
    città del Vaticano
    Messaggi
    933

    FEO , la regione Lazio e tante belle parole

    Potele rimuovere anche questa discussione ma i pensieri e idee da attuare non finiscono,innanzitutto oggi consegno il copia e incolla dei post delle due precedenti discussioni rimosse per vs "democrazia" al mio legale tanto per me è a costo zero, non sò per voi secondo ripropongo la domanda:
    PERCHE' LA FEO SI APPROPRIA DI INIZIATIVE CHE NON GLI APPARTENGONO, INVECE DI NASCONDERE MESSASGGI O FARLI SPARIRE, AFFRONTATE LA DISCUSSIONE COME INTERLOCUTORI SERI E NON LA SOLITA CRICCHETTA ALL'ITALIANA.
    RIPETO L'INIZIATIVA PER LA MODIFICA REGIONALE SULLE NORME DELL'ALLEVAMENTO E', E RIMARRA' UN INIZIATIVA DI ALLEVATORI FEO E FOI DI ROMA, PURA INIZIATIVA DI 6 PERSONE INIZIALI PER POI AUMENTARE IN NUMERI CONSIDEREVOLI, SFIDO LA FEO A PRESENTARE UN DOCUMENTO UFFICIALE RETRODATATO IN CUI APPOGGIA ,SOTTOSCRIVE O SI PONE COME AVREBBE DOVUTO COME INTERLOCUTORE CON LE AUTORITA' PREPOSTE.RIMANGO IN ATTESA.


    Saluti
    Verdi? perchè gli è scoppiata la bile!!!!









    ---------------------------------------------------------------------------

  2. #2
    Expert Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Alessandro Ascheri

    L'avatar di Alessandro Ascheri
    Registrato dal
    23-07-07
    residenza
    Ciampino
    Messaggi
    3,862

    Fabrizio, qual è la discussione cancellata?


    askerix@outlook.com
    RAE FEO 0027
    ex-RNA AOB SV300

    ex-RNA FOI 76FE

  3. #3
    Royal master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Claudio Bosich

    L'avatar di Claudio Bosich
    Registrato dal
    12-07-07
    residenza
    Roma
    Messaggi
    1,181

    Eccola, non è stata cancellata, ma spostata !

    http://lnx.ornieuropa.com/forum/show...brizio+moretti
    Claudio Bosich


    RAE FEO 0042
    RNA FOI 77FE

    http://www.myspinus.com




  4. #4
    Master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Alberto Nebbia Colomba

    L'avatar di Alberto Nebbia Colomba
    Registrato dal
    17-05-08
    residenza
    Viareggio
    Messaggi
    789

    Precisazione

    In primo luogo la discussione, come già fatto notare, non è stata cancellata ma spostata nel luogo più opportuno, ovvero in "Federazioni di ornitocoltura sportiva" perchè all'interno della cartella AOE aveva ben poco senso.
    Secondariamente la FEO non si "appropria" nè di meriti nè di lavori effettuati da altri. Nessuno disconosce che i primi interventi presso la regione Lazio siano stati effettuati da singoli allevatori (probabilmente, all'epoca, la FEO non era neppure nata), resta il fatto che, come preannunciato nel comunicato stampa, è recentemente intervenuta con una propria nota per tentare di operare ancor più incisivamente nella soluzione della problematica.
    Peraltro, in precedenza, era stato specificamente nominato un "responsabile per le questioni giuridiche federali" che ha ben operato nella stesura di un'articolata proposta di modifica normativa inviata ufficiosamente.
    In ogni caso, anticipo il testo della nota trasmessa il 9 gennaio u.s. (l'Ufficio Stampa avrebbe provveduto, come usuale, dopo l'avvenuta ricezione della ricevuta di ritorno - per avere la certezza della consegna):
    La sottoscritta Federazione Europea Ornitofili-Onlus, facendo seguito alle segnalazioni effettuate ai competenti uffici provinciali (che non hanno condotto ad alcun apprezzabile risultato), desidera porre all’attenzione di codesta Regione la situazione di particolare disagio in cui si vengono a trovare gli ornitocoltori laziali che allevano specie dell’avifauna autoctona.
    La legge regionale n. 17 del 2 maggio 1995 (“Norme per la tutela della fauna selvatica e la gestione programmata dell' esercizio venatorio”), al primo comma dell’articolo 17, prevede – conformemente alla legislazione nazionale - la possibilità di istituire “allevamenti di selvatici per fini amatoriali ed ornamentali non utilizzabili per le immissioni in natura”, ma il successivo comma 5 recita testualmente che “gli allevamenti di selvatici a scopo ornamentale ed amatoriale di cui al comma 1, lettera c), sono autorizzati (…) dalla provincia competente per territorio, per le specie ed il numero di capi sottoindicati: a) una coppia di starne; b) una coppia di coturnici; c) una coppia di pernici rosse; d) un gruppo di fagiani costituito da un maschio e tre femmine”.
    L’articolo 24 prevede poi che “il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, che acquisisce il parere dell'INFS e del CTFVR regolamenta, l'allevamento, la vendita e la detenzione di uccelli allevati appartenenti alle specie cacciabili, nonché il loro uso in funzione di richiami per la caccia da appostamento”.
    Appare evidente come le singole norme citate siano dirette a disciplinare soltanto gli allevamenti di alcuni animali “cacciabili”, non considerando affatto quelli relativi all’avifauna che, sebbene esclusa dal prelievo venatorio, viene comunque tradizionalmente detenuta a scopo amatoriale e normalmente esposta alle mostre ornitologiche pressoché in tutti i paesi d’Europa e del mondo.
    È appena il caso di rammentare che tutte le regioni italiane hanno provveduto a regolamentare la materia consentendo, nel rispetto di determinati oneri, l’allevamento e la detenzione delle specie ornitiche non cacciabili riconoscendo, in alcuni casi, l’importante ruolo svolto dalle federazioni di settore che riuniscono gli appassionati e provvedono a fornire gli stessi di anelli inamovibili delle corrette dimensioni per ogni tipologia di esemplare allevato (tali anelli, usualmente, recano altresì le stampigliature relative al nome della federazione, alla “matricola” dell’allevatore, al numero progressivo e all’anno di riferimento: dati che consentono la tracciabilità della provenienza dell’animale).
    L’attuale formulazione della normativa laziale lascia ampi spazi di dubbio circa la possibilità di detenzione ed allevamento di uccelli che, pur regolarmente riprodotti in cattività e formalmente legalizzati nelle altre regioni (nonché in tutti i paesi dell’Unione Europea), non vengono espressamente contemplati.
    Se - da un lato - è possibile sostenere che, siccome la legge prevede il rilascio di un’autorizzazione provinciale per le sole specie indicate, l’allevamento di tutte quelle non contemplate sarebbe lecito senza alcun preventivo adempimento, - dall’altro - con le stesse premesse, è altresì accreditata la versione del divieto generalizzato di allevare o detenere legalmente gli esemplari non espressamente menzionati dalla norma.
    Pertanto, come accennato in premessa, l’allevatore si trova non soltanto in una posizione di profondo dilemma che, molto spesso, le istituzioni provinciali non sono in grado di sciogliere (talvolta fornendo indicazioni verbali diametralmente opposte), ma anche potenzialmente esposto (sebbene privo di colpa o dolo) a provvedimenti sanzionatori da parte delle forze di vigilanza.
    Ad onor del vero, le manifestazioni espositive o competitive di ordine ornitologico, ad oggi svolte nell’ambito regionale, con numerose presenze di soggetti autoctoni (come cardellini, lucherini, verdoni, verzellini e fringillidi in genere) non hanno subito reprimende o limitazioni particolari, ma l’incertezza della questione è causa di disagio anche in vista della possibilità di organizzare un Campionato Mondiale Ornitologico (manifestazione prestigiosa e di sicuro richiamo) nel Lazio.
    È evidente che a tale situazione di indeterminatezza consegue la permanenza di timori che non consentirebbero la partecipazione e la presenza di numerosi allevatori provenienti da ogni dove.
    Alla luce di quanto sopra, si chiede un intervento delle SS.LL. affinchè la problematica segnalata venga definitivamente superata – in conformità a quanto avviene nelle altre regioni italiane e in tutti i Paesi dell’Europa – fornendo un’interpretazione delle vigenti disposizioni che escludano un divieto generalizzato e consentano l’allevamento e la detenzione dell’avifauna autoctona (non proveniente da cattura), regolarmente anellata, per finalità amatoriali-espositive (con esclusione di ogni difforme utilizzo).
    Per completezza di trattazione, si fa sommessamente osservare che gli allevatori amatoriali iscritti ad associazioni sono in Italia una realtà in costante aumento: il loro numero è stimabile in circa 25.000 unità (con oltre un migliaio di presenze soltanto nel Lazio) e tuttavia sono almeno tre volte tanti coloro che, senza adesione attiva o velleità di partecipare a mostre, sono in possesso di uno o più uccellini in cattività.
    Le dimensioni dell’indotto economico che l’ornitocoltura muove (eventi espositivi, attrezzature, mangimi, medicinali, ecc. ecc.) sono quindi facilmente stimabili ed altrettanto facilmente intuibili sono gli effetti negativi che su tale mondo si ripercuoterebbero nel caso di interpretazioni non sufficientemente analizzate sotto tutti i profili coinvolti.
    Nella certezza che la sentita istanza sopra rappresentata potrà trovare pronto accoglimento, si resta a disposizione per ogni eventuale, ulteriore precisazione fosse ritenuta necessaria.
    Distinti saluti.
    Parma, 9 gennaio 2012

    Il Presidente

    Allegati:
    - Statuto della FEO-Onlus;
    - Riconoscimento dello status di ONLUS.
    Ovviamente risultati ancora non ce ne sono, ma la FEO si muove. Per l'intero movimento degli allevatori e non soltanto per i propri iscritti. Si può fare di più? E' probabile ... ma c'è sempre chi fa di meno.
    Quod omnes tangit, debet ab omnibus approbari


    Socio AODAT 001 - RAE FEO 002

  5. #5
    Master Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di fabrizio moretti


    Registrato dal
    27-01-08
    residenza
    città del Vaticano
    Messaggi
    933

    Si parla di feo non ancora nata, invii ufficiosi e e la data dell'altro ieri, mi sembra poca cosa, mi spiace ma non ci sono le basi per un discorso sopratutto se viene da una federazione .Sicuro di una vostra riuscita vi auguro i miei migliori auguri.
    Verdi? perchè gli è scoppiata la bile!!!!









    ---------------------------------------------------------------------------

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi