Nuovo editoriale che condividiamo con i nostri soci e simpatizzanti, ""PIANTE E LEGNI PER VOLIERE"" - a disposizione gratuita nell'apposita sezione Editoriali dell’A.O.E
+ Rispondi
Pagina 1 di 2
1 2 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 12

Discussione: Domande sul standard degli agapornis

  1. #1
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di Adrianguerra

    L'avatar di Adrianguerra
    Registrato dal
    09-10-15
    residenza
    Portosangiorgio
    Messaggi
    26

    Domande sul standard degli agapornis

    Buongiorno, ho cominciato a studiare lo standard degli agapornis fisheri perché mi piacerebbe fare qualcosa di serio con le mie coppiette.
    Appena ho letto le dimensioni richieste mi sono subito fermato: 15 cm??? I miei soggetti superano appena i 13 cm, e su diversi libri sugli agapornis ho sempre letto che 13 cm è la taglia ideale per un fischeri.
    Per curiosità sono andato a esaminare gli standard delle altre specie di inseparabili: per i lilianee (che da quello che ne so dovrebbero avere una stazza simile si fischeri) sono richiesti 13,5 cm, per i roseicollis (che ho sempre sentito dire fossero 15) vengono fissati a 17, i personata (che dovrebbero avere una stazza maggiore rispetto ai fischeri) vengono posti anch'essi a 15 cm, mentre i Taranta (che dovrebbero essere 18) vengono messi a 17, come se dovessero avere le stesse dimensioni dei roseicollis.

    Da questo ne deduco che gli standard non rispettano le dimensioni attuali della specie, ma oltre a questo, dimostrano di non essere coerenti tra loro: per alcune specie è richiesta una taglia eccessiva (fischeri e roseicollis), per altre rimane invariata (lilianee e personatus) e infine per i Taranta viene addirittura ridotta.
    Qualcuno mi sa dare maggiori delucidazioni?

  2. #2
    Silver master European Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Fabio Musumeci

    L'avatar di Fabio Musumeci
    Registrato dal
    16-04-10
    residenza
    Siracusa
    Messaggi
    8,876

    Non devi confondere la taglia descrittiva della forma selvatica ancestrale delle varie specie, con quella richiesta dagli standard.
    Gli standard sono fatti per scopi espositivi, servono per fissare dei parametri complicati da raggiungere, ed esprimono il gusto dell' uomo, e non quello della natura.
    Anche i colori e la livrea richiesti per i soggetti "ancestrali" da esposizione non sono esattamente quelli creati dalla natura....se per assurdo tu esponi un soggetto selvatico alle mostre esso non vincerà mai, pur essendo un perfetto rappresentante della specie così come madre natura l'ha creata.
    In tutto questo turbinio di forme, colori e dimensioni, di solito sempre enfatizzati, in effetti è strano il caso dei Taranta se è davvero richiesta una misura inferiore alla forma selvatica.
    RNA - 442X - RAE - 0487



  3. #3
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di Adrianguerra

    L'avatar di Adrianguerra
    Registrato dal
    09-10-15
    residenza
    Portosangiorgio
    Messaggi
    26

    Ciao Fabio, grazie per la spiegazione.
    Secondo te è molto difficile aumentare in poche generazioni la taglia dei miei agapornis o mi conviene rifare il mio ceppo acquistare soggetti attinenti allo standard?

  4. #4
    Classe A Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Graziano73

    L'avatar di Graziano73
    Registrato dal
    31-03-12
    residenza
    Sangiustino
    Messaggi
    1,820

    Sicuramente devi immettere soggetti di taglia, se i tuoi sono lontani dalla taglia richiesta
    Graziano RNA 02TT
    Tessera AIAP 078


    Allevamento
    Taranta (green, Dgreen, DDgreen, misty Sf e Df)
    Canus
    Nigrigenis (green)
    Lilianae (green)
    Psittacula eupatria

  5. #5
    Sostenitore del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Ciuffo77


    Registrato dal
    30-08-09
    residenza
    Borgo San Dalmazzo
    Messaggi
    240

    Fai anche attenzione ad un fatto!
    Io per mia scelta espongo solo soggetti dell'anno (anche se è possibile esporre anche soggetti dell'anno precedente) e di conseguenza di solito i miei Fisher son "piccoletti"!
    Il secondo anno sono ancora lontano dai famosi 15 cm, ma non poi così tanto!
    Inoltre non è solo un fatto di lunghezza, ma anche di stazza che ai giudici pare piaccia "abbondante"!

  6. #6
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di Adrianguerra

    L'avatar di Adrianguerra
    Registrato dal
    09-10-15
    residenza
    Portosangiorgio
    Messaggi
    26

    Ok, capito.
    Quindi anche se la taglia è inferiore non viene penalizzata poi così tanto?

  7. #7
    Classe A Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Graziano73

    L'avatar di Graziano73
    Registrato dal
    31-03-12
    residenza
    Sangiustino
    Messaggi
    1,820

    Viene penalizzato viene penalizzato, meglio più grosso che più piccolo
    Graziano RNA 02TT
    Tessera AIAP 078


    Allevamento
    Taranta (green, Dgreen, DDgreen, misty Sf e Df)
    Canus
    Nigrigenis (green)
    Lilianae (green)
    Psittacula eupatria

  8. #8
    Silver master European Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Fabio Musumeci

    L'avatar di Fabio Musumeci
    Registrato dal
    16-04-10
    residenza
    Siracusa
    Messaggi
    8,876

    Non basta solo la taglia, intesa come lunghezza, la tendenza è quella di premiare bestioni imponenti, soprattutto nei Roseicollis, ma anche alle mostre internazionali mi è capitato di vedere premiato qualche esemplare non particolarmente grosso perché contano pure i colori.
    Soprattutto nelle specie con occhi cerchiati è importante raggiungere un buon equilibrio, per via del disegno più complesso rispetto ai Roseicollis.
    Così come nei Roseicollis non basta che siano giganteschi se poi il blocco testa collo non è proporzionato al resto del corpo.
    RNA - 442X - RAE - 0487



  9. #9
    Expert Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Roberto Giani

    L'avatar di Roberto Giani
    Registrato dal
    10-07-07
    residenza
    Rimini
    Messaggi
    3,526

    Quote Originariamente inviata da Fabio Musumeci Visualizza il messaggio
    Non devi confondere la taglia descrittiva della forma selvatica ancestrale delle varie specie, con quella richiesta dagli standard.
    Gli standard sono fatti per scopi espositivi, servono per fissare dei parametri complicati da raggiungere, ed esprimono il gusto dell' uomo, e non quello della natura.
    Anche i colori e la livrea richiesti per i soggetti "ancestrali" da esposizione non sono esattamente quelli creati dalla natura....se per assurdo tu esponi un soggetto selvatico alle mostre esso non vincerà mai, pur essendo un perfetto rappresentante della specie così come madre natura l'ha creata.
    In tutto questo turbinio di forme, colori e dimensioni, di solito sempre enfatizzati, in effetti è strano il caso dei Taranta se è davvero richiesta una misura inferiore alla forma selvatica.
    Sono i presupposti sopra indicati, i quali NON CONDIVIDO assolutamente, che mi hanno fatto smettere di parteciapre alle mostre. Per me l'allevamento è tutt'altro.
    Ciao, Roberto

    (allevo parrocchetti australiani)


  10. #10
    Staff del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Luca Marani

    L'avatar di Luca Marani
    Registrato dal
    30-06-14
    residenza
    Fidenza
    Messaggi
    1,288

    Roberto, questa volta non sono proprio d'accordo con te.

    Secondo me allo stato captivo, il fenotipo di una specie è comunque destinato a mutare (basti pensare a uccelli come le cocorite o le calopsite, che sono allevate in Europa ormai da molti anni, e appaiono piuttosto lontane dalla forma ancestrale).
    Una volta capito questo, possiamo decidere di lasciare queste variazioni al caso, oppure possiamo controllarle attraverso una rigida selezione, la quale ci impone il raggiungimento di uno standard definito "perfetto" o che comunque rispetta le preferenze umane.

    Facciamo l'esempio dell'ondulato di colore. Personalmente trovo brutte e sgraziate tutte le comuni cocorite che si trovano in commercio: stazza troppo imponente, testa sproporzionata, spot disordinati, disegno rovinato, ecc...; al contrario preferisco i soggetti ben selezionati dal corpo piccolo e longilineo, dal disegno perfetto, col piumaggio serico e compatto...

    Se lo standard non rispetta le forme selvatiche, cio è semplicemente dovuto al fatto che in cattività è impossibile mantenere inalterata la figura ancestrale; perciò dobbiamo cercare di selezionare soggetti che risultino gradevoli almeno all'occhio umano.

    Io la vedo cosi, poi ognuno è libero di fare gio che vuole.
    Saluti,
    Luca Marani.



    Il mio sito: allevamentomarani.jimdo.com

+ Rispondi
Pagina 1 di 2
1 2 ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi