Nella sezione Editoriali dell’A.O.E. “”Il Bolborhynchus Lineola Lineola“” nuovo inedito editoriale a disposizione gratuita di tutti gli utenti
+ Rispondi
Pagina 4 di 4
primaprima 1 2 3 4
Visualizzazione dei risultati da 31 a 37 su 37

Discussione: Twirling aiuto

  1. #31
    Amministratore
    Nazionalità:
    La bandiera di Paride

    L'avatar di Paride
    Registrato dal
    08-07-10
    residenza
    Sicilia
    Messaggi
    5,616

    Allevo Diamanti di Gould da non molto, solo 10 anni, e ti dico questo perchè penso che qualcosina ho appreso sia perchè avuta da allevatori che ritengo seri, esperti e capaci, sia perchè dai e ridai, combatti sempre con qualcosa che in anni di allevamento inaspettatamente arriva.

    Ad esempio e prendo il tuo caso, non ho mai sentito da nessun allevatore di Gould somministrare l'ortica o come altri semi strani sempre per i Gould (papavero). Non è dire sempre le stesse cose, è solo cercare di farti comprendere che non tutto quello che si legge nel web è sempre giusto (a volte non lo sono neanche le nostre convinzioni) e che non bisogna mai prenderla come verità assoluta.

    Ti faccio un esempio.
    Volendo cambiare miscela per esotici, lessi degli articoli sul webb relativi ad una nota (e anche costosa) marca del settore con ottime recensioni. Volendo dare un seme migliore e convincendomi della qualità, l'acquistai e cominciai a somministrarla.
    Però mi accorgevo che i miei animali erano "spenti"; al mattino li trovavo quasi sempre gonfi ma non impallati e quando al primo sole cominciavano a svegliarsi, li trovavo lenti e quasi sonnolenti. Eppure somministravo sempre le stesse cose, e dunque che cosa stava succedendo ?
    Sicuramente il fatto era da ricercare solo nel misto per esotici che avevo cambiato eppure - dicevo tra me e me - è una marca abbastanza accreditata e seria, possibile che tutti i sacchi presi in sei mesi potessero essere tutti avariati ed i semi deteriorati? Feci persino la prova di germinazione per verificare la freschezza eppure germinavano. Allora ?
    Leggendo uno dei tanti siti che si trovano nel web - forse per disperazione perchè non sapevo dove sbattere la testa -, lessi che la "colza", un semino nero e rotondo, già presente in molte miscele di case produttrici serie, che seppure sia un ottimo seme perchè ricco di olio, proteine e lipidi di fatto non risulta tanto indicato in quanto la sua componente chimica danneggia il fegato provocando emorragie interne.
    Inutile dire che sono tornato - ed anche di corsa - al vecchio e privo di colza, mix esotico di sempre ed inutile rimarcare che gli animali sono tornati pimpanti e svegli come sempre !!!

    Ma torniamo a noi.
    Io aggiungo sempre circa un 35/40% di scagliola canadese al mix esotico e tutti i miei animaletti gradiscono e apprezzano perchè trovo sempre le bucce.
    Non aggiungerei il panico perchè nel mix è già compreso in buona parte sia quello bianco che rosso, oltre al niger ed al miglio giallo e rosso.
    Per il momento toglierei anche le spighe e darei oltre la loro mix di semi secchi, soltanto dei sali minerali (che - se vuoi - puoi anche mischiarli ai semi).
    Fermo restando che il consiglio di portarlo da un vet è sempre valido, li terrei così per almeno una settimana per vedere come va.


    ROE - A.O.E. 016 - F.E.O.0016SV 085AIAP 26

  2. #32
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di VolkFra

    L'avatar di VolkFra
    Registrato dal
    02-09-17
    residenza
    Assemini (Sardegna)
    Messaggi
    45

    L'ortica fresca la do da sempre agli uccelli sia le foglie che anche le spighette verdi con i semi verdi come ho sempre dato anche centocchio, tarassaco e cicoria selvatica senza nessun problema.
    Oggi gli avrei dovuto dare il pastoncino e i semi di chia ma non li ho dati.
    Il misto che sto utilizzando non contiene colza, così a occhio posso identificare panico, miglio bianco, miglio rosso, niger, lino e scagliola.

    Cercherò di seguire i consigli...
    Domani mattina acquisto la scagliola e la aggiungo al misto e, essendocene già, ne aggiungerei 300gr ogni chilo di misto quindi il 30% dovrebbe andare bene? Resta da vedere se poi la mangiano.
    La femmina mangia tutto la chia, il pastoncino, il misto tranne la spiga di panico che l'ha sbeccuzzata i primi giorni e poi non è più stata toccata. Ieri ho messo foglie di ortica e non è stata toccata, oggi l'ho rimessa fresca e fino ad ora non è stata toccata si sta appassendo li... il maschio invece l'ho visto solo mangiare il misto tutto il resto non ho mai visto che l'abbia toccato.
    Voglio anche precisare che pastoncino e semi di chia li stavo dando 3 volte la settimana circa un cucchiaino in una linguetta quando toglievo la linguetta ne mancava pochissimo quindi non è che se ne sia ingolfato da fargli male sempre che lui ne abbia toccato...
    In ogni caso da adesso in poi proverò come dici a dare solo il misto con aggiunta di scagliola.
    Continuerò a dare la vitamina e


    Il veterinario è impossibile in questi giorni e poi non saprei dove trovare un veterinario aviario.

    Questi gould hanno passato la muta e tutta l'estate in gabbioni da 120 con altri soggetti e alimentati solo con il misto ed avendoli presi per tentare di riprodurli ho voluto somministrare l'alimentazione che da sempre do agli uccelli quando li voglio accoppiare.

  3. #33
    Amministratore
    Nazionalità:
    La bandiera di Paride

    L'avatar di Paride
    Registrato dal
    08-07-10
    residenza
    Sicilia
    Messaggi
    5,616

    Siamo quasi a fine muta ed in questo periodo continuo ad alimentare i miei animaletti esclusivamente con il loro mix di semi secchi + scagliola somministrando - nel contempo e nel beverino - solo degli integratori alimentari (magnesio, calcio, rame, manganese, potassio, ecc, + gruppo vitamine + sali minerali) affinchè possano colmare quei piccoli deficit che con un'alimentazione seppure varia e fresca, non riescono ad avere.
    Alterno la settimana di somministrazione di integratori ad una di sola acqua normale e di acqua + aceto di mele per un ciclo completo di 3 settimane.
    Questo affinchè arrivino a ottobre ad una condizione fisica ottimale per fare fronte alle fatiche della riproduzione; sia maschi che femmine hanno uguale trattamento.

    A metà/fine ottobre comincerò pian piano a fornire una dieta piuttosto umida e sempre fresca, per simulare la loro primavera e portarli così all'apice di una condizione amorosa ideale in modo da evitare qualsiasi problema di estro in fase di riproduzione e comincerò a mettere i nidi alle coppie. Oltre al pastoncino, somministrerò erbe prative, frutta, ortaggi, uovo sodo e couscous ed anche germinati; ovviamente non tutto in un solo giorno ma dilazionati nella settimana. In questa fase e specialmente alle femmine metterò a loro disposizione gusci di uova di galline già bolliti.

    La vitamina E (che non credo sia tanto miracolosa) nel caso di eventuale somministrazione, la comincerò 10 giorni prima dell'accoppiamento con ricambio giornaliero ma non certo da adesso. Non credo abbia senso darla per un lungo periodo ed almeno due mesi prima dell'accoppiamento.

    Non conosco la tua esperienza con i Gould ma posso assicurarti che non sono come tutti gli altri uccelli (indigeni e canarini compresi); di conseguenza hanno bisogno di un trattamento del tutto differente. Fidati.


    ROE - A.O.E. 016 - F.E.O.0016SV 085AIAP 26

  4. #34
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di VolkFra

    L'avatar di VolkFra
    Registrato dal
    02-09-17
    residenza
    Assemini (Sardegna)
    Messaggi
    45

    Nessuna esperienza con i gould, ho avuto in passato qualche soggetto ma mai riprodotti.
    Ho sempre avuto diamanti mandarini, passeri del giappone e canarini. Ultimamente per mancanza di tempo avevo solo poche coppie di passeri.
    Ora faccio un altro lavoro che mi permette più tempo e sto incominciando ad aumentare i soggetti.

    Mandarini e passeri li ho sempre riprodotti da settembre in poi, la coppia di mandarini che mi hanno dato poche settimane fa oggi ha deposto il primo uovo.
    Capisco che Mandarini e passeri sono molto più semplici rispetto ai gould, ma il periodo riproduttivo è lo stesso quindi non capisco per quale motivo sarebbe sbagliato cercare di far partire i gould adesso.

  5. #35
    Amministratore
    Nazionalità:
    La bandiera di Paride

    L'avatar di Paride
    Registrato dal
    08-07-10
    residenza
    Sicilia
    Messaggi
    5,616

    Non mi pare ti abbia mai detto che è sbagliato il periodo, anzi se non sbaglio, ho scritto che non esiste una regola precisa o un orologio biologico in base al quale iniziare la riproduzione facendoti notare che se la temperatura non è calda possono essere messi i nidi.
    Non ho detto che è sbagliato farli partire adesso ma ho detto che se il maschio non è in condizione ideale e non è in estro (non corteggia e non è interessato alla femmina), rischi di avere una covata tutta bianca perchè se la femmina è in estro ha comunque le deposizioni, motivo per cui risulta più conveniente aspettare qualche altra settimana prima di mettere il nido.
    Mentre adesso ti consiglio di aspettare una settimana per vedere se il maschio si normalizza.

    La differenza tra i Mandarini e Passeri del Giappone con i Gould è che i primi non hanno nessun problema di riproduzione e si riproducono anche nei nidi di canarini senza nessun problema (tanto per farti comprendere quanto sono rustici) mentre i Gould hanno bisogno di una preparazione differente e se vuoi che ti allevano la prole devono essere portati ad una condizione ideale.
    Addirittura i Passeri del Giappone (che non esistono in natura ma sono stati creati in laboratorio) si riproducono in tutti i mesi dell'anno mentre ad esempio, i Gould in natura fanno una sola covata annua.

    Non so se hai notato, ma al precedente post ti ho descritto la mia preparazione per la riproduzione dei Gould.


    ROE - A.O.E. 016 - F.E.O.0016SV 085AIAP 26

  6. #36
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di VolkFra

    L'avatar di VolkFra
    Registrato dal
    02-09-17
    residenza
    Assemini (Sardegna)
    Messaggi
    45

    Si ho letto il tuo metodo di allevamento e ti ringrazio per le informazioni e i consigli chr mi stai dando.
    Quindi tu dici di aspettare ancora un po, ho iniziato ieri la vitamina e se magari invece delle due settimane che avevo programmato la darei solo una settimana/10 giorni al max poi facessi passare un paio di settimane e poi altri 10 giorni di somministrazione tu cosa ne pensi?

  7. #37
    Amministratore
    Nazionalità:
    La bandiera di Paride

    L'avatar di Paride
    Registrato dal
    08-07-10
    residenza
    Sicilia
    Messaggi
    5,616

    Nessun grazie, figurati.

    I Diamanti di Gould, seppure ormai da oltre 60 anni si riproducono in cattività (l'Australia ne vietò la cattura e l'esportazione già dal 1965) si riproducono all'inizio della " loro " primavera e pertanto mantenendo il ciclo riproduttivo dell'emisfero di origine, ne consegue che nel nostro Paese si riproducono nei mesi invernali, tra fine ottobre ed inizio novembre.
    Questo è uno dei motivi che personalmente tengo ben presente, non forzandoli ad una riproduzione anzitempo.

    Ho detto che non credo nel miracolo della vitamina E e non ti ho detto nulla quando hai riferito che la stai già somministrando.
    Altri allevatori miei conoscenti, la somministrano 15 o 20 giorni prima dell'accoppiamento fino alla deposizione del primo uovo, ma decidi tu in base alle tue sensazioni.


    ROE - A.O.E. 016 - F.E.O.0016SV 085AIAP 26

+ Rispondi
Pagina 4 di 4
primaprima 1 2 3 4

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi