Interessante editoriale dal titolo “” BirdGarden "" nell'apposita sezione Editoriali dell’A.O.E. a disposizione gratuita per tutti gli utenti
+ Rispondi
Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 8

Discussione: Nuovo iscritto:consigli. Calopsite o Neophema

  1. #1
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di 72Elena


    Registrato dal
    07-08-18
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    4

    Nuovo iscritto:consigli. Calopsite o Neophema

    Buongiorno a tutti, mi sono iscritta ora e saluto tutti, ho letto decine e decine di vostri post oltre che molte pagine, blog su internet perché la mia intenzione è quella appunto di acquistare un piccolo pappagallo. Sono indecisa tra una Calopsite e un Neophema, la scelta si è fermata su questi perché cerco un pappagallino piccolo, docile, molto affettuoso e non molto rumoroso (per i miei ed unici vicini al piano di sotto). Ma anche facile, visto che è la mia prima esperienza. Sono spesso a casa e posso dedicargli parecchio tempo, quindi non sarà solo a lungo. Inoltre in famiglia siamo in 4, vedrà sempre qualcuno, i miei figli sono grandi (16 e 12)
    Chiedo a voi ulteriori consigli :
    _quale delle due specie e perché (tra i due, dal punto estetico preferisco i Neophema)
    _D'estate mi assento per ferie 15 gg circa e d'inverno almeno 10, per un pappagallo è meglio che rimanga a casa sua e che qualcuno venga a dargli da mangiare ecc o meglio invece portarlo da qualcuno in modo che rimanga meno solo? O portarlo in una pensione? Cosa è meno stressante per lui? Voi come fate?
    _non riesco a trovare un elenco serio di allevatori nella mia provincia(Brescia), potete aiutarmi dandomi dei nomi o un link dove cercare? Lo vorrei allevato a mano. Ma soprattutto non trovo nessuno che venda i Neophema. Scrivetemi anche in privato.
    _misure minime della gabbia, sappiate che potrà stare anche libero per una parte della giornata, una volta ambientato.
    Per ora non mi viene in mente altro, ma ogni vostro consiglio sarà prezioso, vi ringrazio tantissimo e complimenti per questo bellissimo forum.
    Elena

  2. #2
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di 72Elena


    Registrato dal
    07-08-18
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    4

    Buongiorno a tutti, vedo che nessuno ha tempo di rispondermi, mi spiace davvero... Probabilmente il mio post non è interessante, chissà quanti pongono le stesse domande..ma per chi è neofita, come me, sono domande importanti e uniche. Buona giornata.

  3. #3
    Amministratore
    Nazionalità:
    La bandiera di Paride

    L'avatar di Paride
    Registrato dal
    08-07-10
    residenza
    Sicilia
    Messaggi
    5,464

    Ciao Elena
    non te la prendere se in 35 hanno letto il tuo post (me compreso) e nessuno ha risposto ma invece prendi in considerazione che siamo in agosto e molti allevatori sono anche in vacanza. Mese strano agosto per il forum.

    Molti lettori - come me - non hanno esperienze con questi pappagalli e quindi la lettura senza dare una risposta è legittima.
    Personalmente non ho mai allevato le specie da te citate, non ho moltissima esperienza con i pappagalli anche se ne ho allevate altre specie ma proverò ugualmente a condividere la mia esperienza "teorica".

    Bellissimi i Neophema ma, a quanto pare, molto delicati e particolari. Inoltre non ho mai sentito nessuno che li tiene come pet e quindi allevati a mano.
    La calopsitta, invece, animale molto rustico ed intelligente si presta bene alla vita familiare e riesce ad interagire con l'intera famiglia anche se (sempre per sentito dire) si affeziona maggiormente ad una sola persona.
    Un pò casinista, è vero, ma a differenza degli altre specie fischia e quindi non emette rumori o strilla a dir poco assordanti e/o fastidiosi.
    Secondo me, essendo più facile da gestire, si presta a meraviglia alla tua condizione di neofita e quindi imparerete insieme.
    Nulla vieta che una volta divenuta esperta, possa aumentare le specie da tenere in casa.

    So per certo che a Brescia e dintorni esistono degli allevatori di pappagalli seri e professionali e sto cercando di interessare qualche altro amico per poterti dare le notizie che cerchi.


    ROE - A.O.E. 016 - F.E.O.0016SV 085AIAP 26

  4. #4
    Vice Presidente AOE
    Nazionalità:
    La bandiera di Sara Mandora

    L'avatar di Sara Mandora
    Registrato dal
    06-10-07
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    2,421

    Ciao Elena, benvenuta nel forum.
    Siamo concittadine vedo, io conosco un ragazzo che alleva neophema, gli chiedo il permesso e poi ti passo il suo numero in privato. Conosce anche allevatori di calopsite, specie forse meno affascinanti al primo impatto rispetto ai neophema, ma secondo me poi più coinvolgente e interattiva se tenuta come pet, penso dia più soddisfazione e sia meno delicata .
    Opinione personale, io se avessi un pet lo lascerei nell'ambiente a lui familiare durante i periodi di assenza, ma ripeto è la mia opinione.... vediamo se altri ci dicono le loro esperienze.
    un saluto, Sara - RAE 0033 - SV401


    Adelante por los sueños que aún nos quedan
    adelante por aquellos que están por venir


  5. #5
    Staff del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Luca Marani

    L'avatar di Luca Marani
    Registrato dal
    30-06-14
    residenza
    Fidenza
    Messaggi
    1,288

    Ciao Elena,
    Neophema e Calopsite sono animali totalmente differenti dal punto di vista mantenutivo, nonostante la piccola taglia ed il medesimo areale di provenienza.

    La Calopsite risulta più espansiva e propensa a socializzare con l’uomo: essa è considerata il pappagallo di piccola taglia più indicato per la convivenza con l’uomo, considerata la sua eccellente capacità di affezionarsi, quasi in modo morboso, e le sue doti “circensi”, tra cui il canto e talvolta la parola.

    Il Neophema, al contrario, è un animale più forastico e delicato, basti pensare alla sua sensibilità allo stress e alla delicatezza del piumaggio, che tende a sciuparsi con l’attrito provocato dal contatto umano; il parrocchetto turchese risulta più consigliato come animale ornamentale piuttosto che da compagnia: considerata la straordinaria bellezza, mi pare sia il caso di considerare la possibilità di prenderne una coppia, da alloggiare in soggiorno per farci allietare dalla loro vivacità di colori e dal cinguettio melodioso, o - perché no - provare l’emozione di assistere alla riproduzione. Certamente l’impegno comportato sarà inferiore a quanto invece dovrete riservare ad un soggetto pet

    Esiste poi una terza alternativa: il parrocchetto di bourke, animale che a mio avviso ben combina e unisce l’eleganza del Neophema e la socievolezza delle Calopsite. Si tratta di un pappagallino piuttosto robusto, che ben si adatta alla vita con l’uomo, pur risultando di più facile gestione rispetto alla Calopsite e meno esigente in fatto di compagnia. Esso risulta molto apprezzato per la mitezza di carattere e per la sua peculiare silenziosità, quando il proprietario non è disposto a sopportare i continui gorgheggi di una Calopsite, talvolta anche per problemi di vicinato.

    Per quanto riguarda la reperibilità, credo che non si possa facilmente evitare di spostarsi per tutto il nord Italia, quanto meno con l’intenzione di reperire un esemplare allevato a mano in modo ottimale, socievole ed in perfetta salute. Di certo, ne sarà valsa la pena.
    Quando avrai individuato la specie che preferisci, sarò felice di girarti qualche contatto in privato.
    Ultima modifica di Luca Marani; 12-08-18 a 09: 16
    Saluti,
    Luca Marani.



    Il mio sito: allevamentomarani.jimdo.com

  6. #6
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di 72Elena


    Registrato dal
    07-08-18
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    4

    Ciao a tutti e grazieeeee!!! Non mi ero assolutamente arrabbiata per il fatto che nessuno mi rispondesse, mi rattristava solo perché ho bisogno del vostro aiuto. Dopo altre letture e considerazioni, ho deciso di acquistare una Calopsite, forse esteticamente non è la mia preferita ma risponde maggiormente alle nostre esigenze. (almeno come inizio, poi si vedrà) Rimane il fatto che faccio fatica a trovare su internet allevatori che ne abbiano di giovani allevate a mano, l'intenzione è di acquistarla verso metà settembre, non ho fretta...ma a parte qualche annuncio su subito.it, non trovo altro e poi essendo veramente inesperta, la mia paura è incappare in qualche fregatura, per questo attenderò anche i vostri consigli su qualche allevatore referenziato (anche in privato).
    Quindi tornando al mio post iniziale e data la scelta caduta su una Calopsite : misure minime gabbia (sappiate che starà fuori per parecchio tempo) e come fare quando saremo in vacanza (per stressare meno il pappagallino meglio far venire qualcuno in casa tutti i giorni, ma poi rimarrebbe solo per il resto della giornata o meglio portarlo da qualcuno, che però non so se lo farà uscire o in una pensione per animali?)
    Attendo i vostri suggerimenti. Grazie ancora a tutti.
    Elena ����

  7. #7
    Staff del Forum
    Nazionalità:
    La bandiera di Luca Marani

    L'avatar di Luca Marani
    Registrato dal
    30-06-14
    residenza
    Fidenza
    Messaggi
    1,288

    Le misure minime per una Calopsite allevata a mano, che quindi si presuppone possa praticare attività fisica in ambiente esterno, si attestano intorno ai 50 cm di larghezza - necessari per consentire il massimo dispiegamento delle ali, con 70 cm di lunghezza - al fine di permettere 2-3 battiti d'ali da un'estremo all'altro del contenitore - e 70-80 cm di altezza - salvaguardando cosi coda e ciuffo dell'animale e mantenendo una sufficiente distanza dal substrato sporco.
    Avendone la possibilità, tuttavia, opterei certamente per un alloggio più dimensionato.

    Per quanto riguarda il periodo di vacanza, tenderei ad escludere la possibilità di una pensione per animali , in quanto di frequente equivarrebbe ad affidare l'animale ad un parente e conoscente; buona norma è evitare di stravolgere l'ambiente nel quale l'animale si trova, tuttavia, nel caso in cui un cambio d'abitazione fosse necessario per garantire all'animale compagnia costante, sarà possibile effettuare un'eccezione.
    In sistesi, conviene lasciare la Calopsite in casa propria con qualcuno che se ne occupi quotidianamente, optando per l'affidamento ad un amico solo se si tratta di una persona fidata e competente, o conosciuta dall'animale, che possa sostituire a pieno l'attenzione che normalmente gli destinate di norma.
    Saluti,
    Luca Marani.



    Il mio sito: allevamentomarani.jimdo.com

  8. #8
    Junior Member
    Nazionalità:
    La bandiera di 72Elena


    Registrato dal
    07-08-18
    residenza
    Brescia
    Messaggi
    4

    Grazie per i consigli, vedrò come fare quando andrò in ferie, certo che è un bel problema. Troveremo una soluzione, la meno stressante per il piccolo pappagallo. Intanto ora lo sto cercando.
    Elena

+ Rispondi

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi